Gli oli essenziali nel Medioevo e gli oli essenziali :: Medioevo

Gli oli essenziali nel Medioevo e gli oli essenziali :: Medioevo

Non vi è dubbio che il mondo arabo ha dato molti grandi scienziati, in particolare tra il VII e il XIII secolo è noto, ad esempio, Avicenna, meditato e di talento studioso persiano che ha scritto circa un centinaio di libri durante la sua vita

Tra le sue scoperte, è stato attribuita l'invenzione della serpentina di raffreddamento, che ha usato per ottenere oli essenziali puri e acque aromatiche, la cui invenzione è stata poi ampiamente usata nella distillazione

A questo proposito, acqua di rose (sulle cui virtù Avicenna completamente dedicato un libro), è diventato una delle essenze più popolari, quasi raggiungendo l'Occidente, mentre i crociati, e accompagnato da altre essenze considerati esotici

Gli oli essenziali nel Medioevo

Con intorno al XIII secolo, e profumi provenienti da Arabia erano famosi per praticamente tutta l'Europa

Secondo diversi storici hanno documentato, chi è abituato a trasportare rami di erbe per la protezione contro le malattie infettive attualmente devastano le popolazioni, allo stesso tempo, nei terreni medievali era cresciuta sia come erbe medicinali

A poco a poco cominciavano a sperimentare con le proprie piante, come il rosmarino, la lavanda o salvia Non a caso, dal XVI secolo "oli chimiche" o rimedi come l'acqua di lavanda potrebbe essere acquistato in farmacia

Tuttavia, è stato grazie all'invenzione della stampa quando hanno iniziato a pubblicare numerosi libri sulle piante, alcune delle quali incluse opere d'arte e alambicchi utilizzati per l'estrazione di oli volatili

Questo articolo continua Oli essenziali nell'antichità

62

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Personaggi rimasti: 3000
captcha